appunti sparsi: Sconvolgere

appunti sparsi

domenica, novembre 12, 2006

Sconvolgere

Qualche volta il semplice ritmo della macchina da scrivere aiuta a focalizzare pensieri propria al di là della propia volontà o capacità di scrittura crativa....
è un pò che non scrivo su questo blog e mi dispiace, ho permesso allo stress interiore ed emotivo di avere la meglio su di me e su questo piccolo impegno. la bellezza di avere un blog è potersi raccontare a se stessi prima che agli altri. Non scrivere vuol dire o che non si ha nulla da dire, oppure che si è talmente ripiegati sul proprio ombelico che non si riesce a guardare in avanti (monitor compreso si capisce).
Questo è un periodo non facile per me, pieno di preoccupazioni e di passioni negative che si accumulano. Non lo scrivo per voi miei cari amici, che tra l'altro (mi spiace dirlo) non riuscite a leggere tali momenti bui. Ma forse questo è dovuto alla incomunicabilità dell'essere. Forse è vero che nessuno può ben conoscere qualcun'altro fino in fondo. Io stesso avrò fatto migliaia di torti a ciascuno di voi. Me ne duole sinceramente. Ma se avete da dirmi qualcosa ditelo, e non state a rimuginarci sopra. Perdete tempo. Io so chiedere scusa. Ma non me ne frega un beneamato se vi sentite spogliati di qualcosa da me, scopo del blog è la terapia. La catarsi. La purificazione. Il che comprende anche l'antico sport del lancio della merda.
Sconvolti?
Scrivere serve a questo. La buona scrittura è questo: scandalizzare. Non nel senso di creare chissà quali voglie pruriginose nel lettore, o di spingerlo ad un gretto voyerismo, ne (tanto meno) cercare di sorprenderlo con cose assurde. La vera letteratura è scandalo perchè ha come oggetto la verità e come fine lo stupore che nasce dai essa.
Io non sarò mai uno scrittore. Mi mancano la cultura e la costanza necessaria per esserlo. Il massimo che sono in grado di produrre sono poche righe raffazzonate su uno spoglio blog. Spero tuttavia che questo sforzo rallegri voi quanto lo fa con me.
Miei cari amici, speriamo davvero di tirare fuori qualcosa da me o sarà una lunga e tutto sommato masturbazione....

A presto amici miei....

4 Comments:

Blogger LeLait said...

Non sono affatto daccordo. Le grandi opere nn sono semplicemente grandi scandali. è riduttivo. a volte per dire alcune cose può servire scandalizzare. ma detto così, tout court, si rischia di cadere nell'errore di dover scandalizzare tutto, ed oggi come oggi, dove ormai lo scandalo è alla portata giornaliera, non serve praticamente più nulla. ogni cosa presa nel suo eccesso porta a poco. svelare. le cose vanno svelate. e la grande dote, la capacità nel vero scrittore sta nel comprendere come poter meglio svelare alcune verità. che non perforza devono produrre scandalo! Siamo uomini colmi di emozioni, perchè ridurle ad una sola ...
Per il resto anche pr attirare l'attenzione scandalizzare non è la via migliore. Invece di allontanare le persone da te, permetteli di avvicinartisi. anche se in modo scontroso, a volte cattivo, chi ti conosce, chi ti vuole bene, rimarrà comunque accanto a te. e poi se non ti conosci neanche tu io come diamine faccio a sapere fino in fondo chi sei? impossibile. siamo solamente ombre di noi stessi.

22:51  
Blogger Lillo said...

permettimi di autocitarmi per una volta "La vera letteratura è scandalo perchè ha come oggetto la verità e come fine lo stupore che nasce da essa." io intendo scandalo nel senso cristiano ovvero di ciò che mina le certezze radicate, ciò che ti conoscere lo "sconosciuto" e ti porta rivedere la tua vita. O anche solo parte di essa. La Verità, o al limite un pezzetto di verità a voler essere umili. Per cui sono d'accordo con te e forse non ci siamo capiti...

...e qui veniamo all'incomunicabilità di cui parlavo...

13:18  
Anonymous Beren said...

Qual è il problema pisellò? sono d'accordo con te quando dici che il blog è catarsi ;-)

17:33  
Anonymous talìa said...

io cristianamente dico che certe volte anche la masturbazione ha il suo perchè...

13:11  

Posta un commento

<< Home