appunti sparsi: La dittatura light

appunti sparsi

domenica, agosto 26, 2007

La dittatura light

Oggi, dopo aver pranzato comodamente in centro con mio cugino, mi sono fatto una passeggiata nel caldo africano di Roma. Fin qui nulla di strano, nulla di tremendo, anzi!
Dato il caldo, e data l'incredibile mancanza di voglia di studiare mia e di mio cugino decidiamo di andare a prendere una granita. E anche fin qui, fatto salvo quanto riguarda la voglia di studiare, nulla di male. Mentre attendiamo il nostro turno tre ragazzine, tre sgallettate mezze-parioline, prendono chi il gelato di soia*, chi la panna di soia sopra la granita di caffè. Non ci ho visto più. E sapete perchè? Perchè nel frattempo una consapevolezza mi si è fatta strada nel cervello. Come una epifania. Siamo arrivati all'apoteosi della mancanza di responsabilità. Si perchè con i cibi light, con "senza grassi", "senza zucchero" in realtà si vuole dire al cittadino-consumatore "senza responsabilità" e - in termini metafisici - senza peccato! Io sono sovrappeso, lo so, me ne preoccupo fino ad un certo punto ma so il perchè e so di esserne l'unico responsabile, e me ne assumo le conseguenze! Finiremo come gli americani che fanno causa alle industrie del tabacco e dei fast food? Se sei un drogato e un ciccione è solo una TUA responsabilità, i vizi si pagano ed è giusto così! Forse è per questo che la società va a puttane, perchè ci sono i cibi-senza-conseguenze, le-scelte-senza-conseguenze, quindi non pensare, non ragionare amico mio! Chi te lo fa fare? Chi ragiona poi gli tocca anche pensare alle conseguenze...lascia fare a noi, penseremo noi per te, ti diremo chi votare, cosa mangiare, cosa guardare, cosa ascoltare, cosa leggere e se le cose vanno male? Tranquillo! Non è colpa tua...non è colpa tua...NON-E'-COLPA-TUA...quindi non puoi farci nulla, quindi non reagire! Capite dove andiamo a finire? Alla neo-dittatura, quella in cui il popolo non ha bisogno di essere spaventato, perchè è talmente anestetizzato da credere che magari un colpo di stato sia un reality show...vigilate gente ma soprattutto, prendete (prendiamo) una bella tazza di caffè e restiamo ben svegli!!!!





*chiaramente non me la prendo con gli intolleranti al lattosio, ma con gli intolleranti al pensiero critico

7 Comments:

Anonymous Andrea said...

Odio darti ragione, De Simone, ma sono d'accordo conte ^^ ecco perchè ti propongo lo sciopero della fame contro questo andazzo generale di cose: io mi metto di fronte al frigo e ti impedisco di mangiare, a costo di prenderti a luparate. Devi o no imparare la disciplina? ahahahah ^^

17:46  
Anonymous Anonimo said...

Interessanti considerazioni..a questo proposito mi e' venuto in mente uno dei lavori piu' belli e profondi dei Pink Floyd,"Wish you were here"..alcune chicche presenti nei testi: "Benvenuto alla Macchina,ragazzo,dimmi,dove sei stato?Non dirlo,sappiamo dove sei stato.E cosa hai sognato?Tranquillo,te l'abbiamo detto noi cosa sognare".In un certo senso e' questo,no?

18:12  
Anonymous Anonimo said...

Io sarei anche d'accordo, ma... vabbè, santo cielo, se a ste 3 poveracce andavano le cose alla soia!!

Jess

22:59  
Blogger Fabrizio said...

Sono d'accordo con Jess, è anche possibile che alle ragazzette andasse solo quel particolare tipo di alimento.
Certo, considerando tutto il ragionamento che hai partorito dal gelato alla soia... si vede proprio che 'sti ultimi esami ti stanno stressando parecchio!!! ;-)

PS comunque io sono SEMPRE vigile, almeno spero...

08:40  
Anonymous Anonimo said...

Considerando che ho lavorato in una gelateria per tanti anni, da un certo punto di vista concordo con te e aggiungo pure che sia una moda da fighetti il gelato di soia... Ma devo purtroppo dire (dico purtroppo perchè a me non piace e il "latte" usato non è LATTE è tutto tranne LATTE e quindi non è il gelato che si intende per tradizione) che a molta gente il gelato di soia piace. Poi ci sono anche quelli che non possono prendere lo zucchero "vero" e quindi si rifanno col fruttosio, ma per come la penso io se devi proprio fare uno "sgarro" alla dieta* fallo bene! Risparmiare 50 kcal non cambia niente.
Personalmente io non riesco proprio a mangiarlo, tantomeno mi da la soddisfazione del "gelatogelato", quindi immagino che a quelle tre quel tipo di alimento piacesse.....

Baci
Geraldine


*che poi se la dieta alimentare è giusta un gelato non è definibile come sgarro anzi è una giusta merenda, perchè teoricamente, se artigianale è sana.

12:07  
Blogger Lillo said...

Ricordo a tutti che l'essenziale era l'idea di "mancanza di responsabilità" associata al gelato "light". Per chi ha problemi di salute è un problema diverso è chiaro....

14:16  
Anonymous Fabrizio Mondo said...

Carissimo Lillo.

Il tuo ragionamento rispecchia molto la realtà delle cose. Purtroppo però quello che dice non solo si è già avverato, ma è pesantemente insito nella società.

Occorre elettroshoccare la popolazione per fare loro capire che le scelte non sono un peso, sono una parte della vita.

Far fare ad altri le proprie scelte significa donargli un grado di libertà della propria vita.

La rappresentanza, la comunicazione tramite i media e quanto altro devono essere mezzi di aiuto delle persone, non un mezzo di svincolamento dalle proprie responsabilità.

Per quanto riguarda il cibo, un tempo ero proprio cibo dipendente. Mangiavo schifezze, mangiavo tanto e molto spesso. Fino a quando mi accorsi che la mia silhouette che prima era perfetta era diventata molto brutta, sembravo una S al contrario. Per cui mi sono allenato, ho mangiato più sano e adesso mi sento più in forma, anche se la forma mentale, anche grazie a questa italia, è quasi impossibile raggiungerla!

18:24  

Posta un commento

<< Home