appunti sparsi: Distanze

appunti sparsi

mercoledì, novembre 14, 2007

Distanze

Il cinema restituisce spesso un'idea romantica della professione giornalistica. In realtà la professione è fatta di tanta routine passata davanti alla scrivania, ora per fare più chic si dice "desk". La sostanza non cambia.
Il film "la giusta distanza" è un bel film. Che va visto e va anche ragionato. Una amica di mia madre ci ha visto un bel ritratto dell'Italia. Io ci ho visto un ritratto del cronista. Un bel ritratto. Che mi ha fatto pensare e che mi fa incupire. Sarò mai così? Il problema è che sono "vecchio" per questo mestiere. Tanti hanno iniziato così presto. Tutta la "vecchia guardia" alla mia età erano già dieci anni che faceva il mestiere. I trucchi li conoscevano tutti. Il gergo, il pelo sullo stomaco, lo stile. Io mi sento così lontano da tutto questo. Vorrei avere un decimo delle capacità di alcuni dei miei colleghi ed amici. Si perchè anche altre persone, più vicine a me per età ed esperienza, sono anni luce davanti a me. O almeno io li vedo c0sì: un puntino luminoso che si allontana nella notte, a grande, grandissima distanza. Un missile con dietro un tizio a piedi che corre, arranca.
Mi sento così. A distanza. Bisogna che impari a fare meglio di così. Molto meglio.

3 Comments:

Blogger Ily said...

mmm....
ma perchè non vieni a farti una bella vacanzina da queste parti?
Io leggo i tuoi post e non commento...anche perchè mi dovrei dilungare troppo...
Ma non nascondo un pizzico di apprensione...
Quindi, anche se il tuo hobby è prendermi in giro (brutto antipatico >////////< ), perchè non ti prendi una pausa!?
Magari sotterri l'ascia di guerra e non sfotti ^^''''
un abbraccio forte al mio amicuzzo!!
(per la cronaca,...tra un mese sono 3anni che ci si conosce...mi pare ieri...Dicembre 2004 O_O )
p.s.
sta volta se ci sono errori lo lascio così com'è! =_=

11:48  
Blogger Jessica said...

Magari c'è ancora qualcosa di acerbo in te... ma gli strumenti li hai e comunque credimi, sono da sempre convinta che il valore di un uomo si misura anche sulla fatica che deve fare per trovare sé stesso e la propria strada. Perché spesso, il cammino più duro e lungo, è riservato a chi può superarlo. E che anche se con un po' di ritardo, poi saprà distinguersi. Vale in tutti i campi della vita.

21:25  
Anonymous Beatrice said...

Si perchè anche altre persone, più vicine a me per età ed esperienza, sono anni luce davanti a me.

A me fai tu questo effetto.

13:28  

Posta un commento

<< Home